Alone in the Dark Wiki
Advertisement
Alone in the Dark Wiki

1479111050 c92da5387bcb2e2232fec09f0d32f301.jpg

Life is a hideous thing è un fumetto one-shot standalone che funge da prequel agli eventi di Alone in the Dark: The New Nightmare. Pubblicato da SEMIC Comics, Image Comics ed Infogrames Entertainment tra Maggio 2001 e Settembre 2002, è stato sceneggiato da Randy e Jean-Marc Lofficier e disegnato da Matt Haley e Aleksi Briclot. La versione in lingua italiana è stata distribuita da Pegasus - Napoli.

Trama[1]

Nel 2001, la professoressa di antropologia Aline Cedrac trova in uno scomparto della cassaforte appartenuta al suo sconosciuto padre alcuni documenti tra i quali un'antica mappa. Decisa a far luce sull'identità dell'ignoto parente, si reca in India assieme al collega Frank Stone, seguendo le indicazioni della mappa che sembrerebbe condurre ad Aggartha. Presso Sikimm cercano l'antiquario Ganesha e, dopo essere sfuggiti ad alcuni trafficanti di tesori presso il mercato, lo incontrano al loro albergo e lo convincono a guidare la spedizione alla ricerca del regno perduto. Nel frattempo l'investigatore privato Edward Carnby viene mandato dal suo collega Charles Fiske presso il dirigibile del dr. Leng, in Nepal, per avere informazioni sulla Corona di Genghis, un artefatto antico usato da Genghis Khan per conquistare la Cina e poi da questi consegnato a Marco Polo, il quale la recapitò ai saggi di Aggartha. Carnby intende distruggere la Corona, convinto che una setta devota alle tenebre nota come Kun-Yin voglia impossessarsene per scatenare durante l'Ora della Falce (un particolare allineamento delle stelle) una creatura adimensionale: il Caos Crescente. Intanto Aline, Stone e Ganesha attraversano le montagne nepalesi riuscendo a trovare l'ingresso di Aggartha dove vengono quindi attaccato dai Mi-Go, degli abominevoli Yeti che uccidono alcuni dei loro portatori e li circondano. Il gruppo viene salvato dall'intervento di Carnby, che fa fuggire i Mi-Go utilizzando dei razzi di segnalazione e tutti insieme si rifugiano presso il tempio di Aggartha. Lì l'investigatore spiega che i Mi-Go non sono altro che gli Yan-Ho, il saggio e civilizzato popolo di Aggartha, mutato nei secoli a causa dell'influenza oscura della Corona di Genghis.

RCO024 1486346753.jpg

Il giorno successivo, grazie alle indicazioni della mappa di Aline, il gruppo si addentra nel tempio riuscendo a trovare la Corona; a quel punto Frank Stone precede gli altri e la indossa rivelandosi uno dei Kun-Yin: il suo piano è raggiungere il Cuore del Mondo dal quale evocare il Caos Crescente durante l'Ora della Falce. Scatena quindi i Rakashas, demoniaci guardiani della Corona, contro il gruppo e si dà alla fuga; Aline però usa le sue straordinarie conoscenze linguistiche per distrarre le creature e per convincere dei Mi-Go giunti sul posto ad aiutarli a fermare Stone. Ganesha a quel punto abbandona il gruppo per avere salva la vita, mentre Carnby e Aline vengono guidati verso il Cuore del Mondo da uno Yeti. Il detective spiega che Aggartha fu costruita intorno ad un particolare fenomeno naturale: un fulcro magnetico puntato verso l'alto che Fiske ipotizzava potesse essere una sorta di "faro" per comunicare con altri mondi; da quel particolare punto, posto al centro di Aggartha, è possibile evocare il Caos Crescente. Ipotizza inoltre che la mappa del padre di Aline sia riconducibile all'Ultima Thule, la spedizione nazista che cercò quel continente perduto. Raggiunto il Cuore del Mondo, i due si confrontano con la flora e la fauna di Aggartha, cresciuta in modo anormale a causa del particolare magnetismo, e si confrontano con Stone. Questi riesce a colpire sia Carnby che il Mi-Go, evocando infine il Caos Crescente. E' quindi Aline ad ucciderlo, utilizzando un sortilegio trovato tra gli averi di suo padre, togliendogli la Corona per poi cercare di chiudere la fessura dalla quale il Caos Crescente sta discendendo sul piano terrestre. Grazie all'intervento di Ganesha, tornato per aiutarli, i tre respingono l'orrore cosmico e fanno ritorno al dirigibile del dr. Leng. Qui Carnby viene convocato per avere delle brutte notizie su Fiske mentre Ganesha, scherzando, propone ad Aline di sposarlo.

Personaggi

Edward Carnby: Investigatore privato di Boston. Esperto di paranormale, viene mandato in Nepal dal collega Charles Fiske per trovare e distruggere la Corona di Genghis, visto l’approssimarsi dell’Ora della Falce, prima dei Kun-Yin.

Aline Cedrac: Professoressa di etnologia dell’Università di Boston. Dopo aver trovato un’antica mappa in uno scomparto segreto della cassaforte appartenuta al suo sconosciuto padre, decide di intraprendere una spedizione tra India e Nepal per trovare Aggartha così da scoprire informazioni sull’identità di suo padre.

Frank Stone: Collega di Aline presso il Museo di Boston, accompagna la ragazza nel suo viaggio verso Aggartha. Si tratta in realtà di uno dei Kun-Yin, il suo obiettivo è trovare la Corona di Genghis così da evocare il Caos Crescente.

Ganesha: Antiquario indiano e trafficante di tesori. Avido e molto pragmatico, ha già conosciuto Carnby e guida la spedizione di Aline in Nepal per ritrovare Aggartha.

Dr. Leng: Misterioso asiatico che risiede in una specie di nave volante, pare conoscere bene sia Carnby che Fiske, collaborando con loro. Viene fatto riferimento al Vuoto-che-consuma un potere od un'entità che egli potrebbe liberare, tanto potente da confrontarsi con il Caos Crescente.

Creature

Mi-Go: Un tempo degli Yan-Ho, il popolo che abitava Aggartha, mutati nei secoli in orribili Yeti a causa dell’influenza malvagia della Corona di Genghis.

Rakashas: Guardiani demoniaci votati alla protezione della Corona di Genghis e succubi alla volontà di chi la indossa.

Caos Crescente: Deforme creatura adimensionale composta da occhi e tentacoli. Non può discendere sul piano terrestre a meno che non sia richiamata dalla Corona di Genghis dal Cuore del Mondo durante un particolare allineamento delle stelle chiamato Ora della Falce.

Citazioni e omaggi[2]

Al Ciclo di Cthulhu:

Altri:

  • I Dzyan citati da Aline sono un'antica razza apparsa in Origins of Neptune Perkins, sempre scritta da Jean Marc Lofficier, di Young All-Stars della DC Comics.
  • Le parole pronunciate da da Carnby per provare a fermare Stone, "Nosmo Cobis! Holo Erasma Rabis!", sono le stesse della Formula Montesi comparsa nei fumetti di Doctor Strange (in particolare ad un ciclo di storie ispirate al pantheon di Lovecraft, al quale lavorò anche Jean Marc Lofficier).
  • L’aspetto di Diana Armitage, caratterizzato da una lunga treccia, e la sua professione sono un probabile omaggio alla celebre predatrice di tombe Lara Croft.
  • Ganesha nomina la popolare casa d’aste inglese Sotheby’s.
  • Oltre ad Aggartha, vengono nominati i regni perduti di Ys, Mu, Camelot e Kor. Quest'ultima è un continente perduto africano inventato da H. Rider Haggard per il romanzo La donna eterna.
  • I monaci di Montsegur, ai quali Frank Stone fa riferimento, sono una società di Catari esistita fino al 1244 e descritta nel romanzo Le Chant de Montsegur di Sylvie Miller e Philippe Ward.

Curiosità

-La canonicità del fumetto è dubbia, non vi sono particolari elementi per ritenerlo non canonico, tuttavia nel gioco non vi è alcun riferimento agli eventi narrati.

-Nell'intestazione viene detto che Carnby sia un agente di Bureau 713, che tuttavia è un'informazione errata.

-Nel fumetto Carnby tiene le armi con la mano sinistra ed utilizza un normale revolver, nel gioco invece questi è destrimano ed utilizza una pistola personalizzata.

Riferimenti

Alone in the Dark: The New Nightmare
Life is a hideous thing
Advertisement